Sospeso, da appoggio o a colonna: come scegliere un lavabo in cemento

-

Ecco i nostri consigli su come arredare il bagno e su come scegliere il lavabo più adatto.

Materici e versatili, eleganti e artigianali, sono i lavabi per il bagno in cemento gfrc. Anche se ogni lavabo è unico, esistono però delle tipologie con caratteristiche comuni: sospesida appoggio e freestandig (o autoportante, evoluzione del lavabo a colonna). Come scegliere il lavabo adatto alle proprie esigenze? Lo scopriremo in questo articolo. 

Il modo migliore per scegliere un lavabo, prima di valutare le caratteristiche di ogni modello, è partire da questa domanda. Quanto spazio ho a disposizione? Posso modificare gli impianti o devo adattarmi a quelli esistenti? Può sembrare una domanda banale, ma non lo è. Il cemento gfrc può assumere qualsiasi forma e qualsiasi dimensione, quindi il problema potrebbe non sussistere. E invece si impone se il lavabo viaggia in coppia con eventuali mobili. A meno che questi non vengano realizzati su misura, si può verificare la possibilità di rinunciare a un lavabo da appoggio. Ovviamente non è una regola assoluta, dipende dai centimetri della propria stanza. Prese tutte le misure e avendo certezza di avere lo spazio che ci serve, allora possiamo pensare a quale tipologia possiamo ricorrere nel caso specifico.

Lavabo da appoggio con mobile

Perché sceglierlo? Per motivi pratici, ma anche di stile. E così avremo il nostro piano lavabo appoggiato su di un mobile e questo consentirà di avere tutto a portata di mano. 

L’aspetto stilistico è altrettanto importante. Perché il lavabo dialogherà con il mobile sottostante creando così geometrie e contrasti, oppure forme e colori più rassicuranti. Tutto in base al proprio stile e alle proprie esigenze. Il cemento, ad esempio, si sposa bene con uno stile moderno e urbano, ma nulla vieta di sperimentare per creare l’ambiente che si desidera vivere. Sperimentazione dalle possibilità infinite dal momento che i nostri prodotti possono essere realizzati in tanti colori diversi.

Lavabo sospeso: pratico ed elegante

Lo dice il nome: il lavabo è sospeso, quindi non poggia su nessun mobile. È però saldamente ancorato alla parete. È ideale per chi predilige uno stile minimale senza rinunciare alla praticità. Infatti, pur conferendo leggerezza all’ambiente, è molto pratico durante le pulizie del bagno. È normale, quindi, che non prevedendo alcun mobile sottostante, bisognerà trovare uno spazio da dedicare a un mobile per custodire tutto il necessario.

È importante anche assicurarsi che il muro su cui vogliamo ancorare il lavabo sia idoneo a sostenere un peso in aggetto.

Una precisazione sulla leggerezza: non è solo visiva, non si esaurisce con le forme. Un lavabo sospeso in cemento gfrc è molto leggero grazie ai materiali e soprattutto al modo in cui viene realizzato. Nell’immaginario comune il cemento è un materiale pesante. Non è così. Clicca qui per conoscere la tecnica Glass fiber renforced concrete.

Dove appoggio il lavabo? Su un piano sospeso

Se le soluzioni fin ora proposte non ti convincono, questa le abbraccia entrambe. Parliamo del piano sospeso. Per cui non è il lavabo ad essere ancorato alla parete, ma il piano su cui poggia. 

È una soluzione che offre molte possibilità creative. Puoi scegliere due materiali diversi, ad esempio legno e cemento, oppure puoi pensare a piano e lavabo entrambi in cemento, dello stesso colore o di colori diversi. Puoi così unire i vantaggi pratici e di design di entrambe le soluzioni che abbiamo esaminato all’inizio. 

Lavabo freestanding o a colonna

Letteralmente freestanding vuol dire autoportante. Noi lo pensiamo come un volume puro, scultoreo. Un tipo di lavandino allo stesso tempo funzionale, strutturale e dall’estetica decisa.

Così come una scultura, potrebbe essere posizionato anche discostato dai muri, e se ne potrebbe usufruire da tutti i lati. E poi, sempre grazie al cemento, è possibile progettare e realizzare lavabi freestanding di qualsiasi forma e dimensione. Inoltre questo tipo di lavabo richiama una delle caratteristiche cardine dei prodotti in cemento: si tratta di realizzazioni monolitiche.

Lo stile non è l’unico motivo per cui scegliere un lavabo a colonna. Lo spazio a disposizione conta e non poco. E a differenza di ciò che si crede, una realizzazione del genere è particolarmente utile in ambienti piccoli, perché al di là delle dimensioni effettive, è la percezione di compattezza che rende l’ambiente più arioso.

Il lavabo di Cemento Line

Realizziamo ogni tipo di lavabo, ma quello sospeso con vasca integrata è quello che preferiamo. Perché esprime al meglio la nostra filosofia. È realizzato tutto su misura e quando dico tutto, vuol dire davvero tutto. In base alle esigenze di spazio, ma anche in base ai gusti e allo stile, ogni elemento potrà avere la misura che si desidera. 

Le variabili in campo sono ben sette; per quanto riguarda il piano sospeso sono: altezza, lunghezza, profondità e sagoma. Tre sono quelle relative al lavabo: forma, dimensione e posizione. E come ho già scritto ognuna di queste variabili può essere realizzata su misura in mondo indipendente dalle altre. Ed ecco, quindi, che la vasca rispetto al piano in cemento diventa un accessorio, perché la scena sarà tutta del piano. Il risultato finale sarà un prodotto d’impatto e materico, geometrico e monolitico. Attenzione: geometrico non vuol dire squadrato, parlo di geometria della fantasia. Il limite sarà solo la nostra immaginazione. Per saperne di più, scarica il nuovo Libro delle idee. È utile e poi è gratis. Oppure visita la nostra sezione dedicata al bagno.

Ingegnere e Ceo di Cemento Line.