Perchè cemento GFRC

I nostri piani cucina si contraddistinguono per una lavorazione unica nel genere. Costruiamo con la tecnica GFRC: Glass Fiber Reinforced Concrete; un particolare metodo che prevede la fusione di cemento e fibra di vetro. La miscela si compone di cemento grigio 42.5, cemento bianco 52.5, sabbie, additivi e fibre in Pva. Grazie al basso rapporto acqua/cemento e alla presenza di fibre, il prodotto finale si contraddistingue per una resistenza e leggerezza unica. Il peso finale è infatti di 55kg al metro quadro, la metà circa del peso comune degli altri materiali. L'impasto GFRC garantisce la resistenza del piano, durabilità nel tempo e praticità di gestione con il suo peso ridotto.

Altra caratteristica unica del cemento GFRC è la possibilità di realizzare piani lunghi diversi metri con un unico blocco. Gli altri materiali richiedono infatti, per lunghe misure, l'unione di più parti; il GFRC dona senso di continuità grazie al suo corpo unico.

Il cemento GFRC è infine rigenerabile. Eventuali deterioramenti o danneggiamenti, a differenza degli altri materiali, sono totalmente ricostruibili grazie ai nostri trattamenti.

Se vuoi scoprire le differenze tra la nostra lavorazione e un piano in resina di cemento, puoi leggere il nostro approfondimento sul tema.

La totale artigianalità del prodotto consente di realizzare piani praticamente per ogni forma e dimensione. Scopri alcuni dei nostri modelli o contattaci direttamente per un preventivo. Ti aiuteremo nella realizzazione del tuo progetto.


Trattamento del piano cucina

L'ultima fase della lavorazione prevede lo speciale trattamento FILAMARBLE-AID. Un sottile rivestimento, basato sulla Micro Coating Tecnology, in grado di resistere alle aggressioni acide e all'assorbimento dello sporco. Grazie a questa applicazione i piani cucina diventano resistenti alle comuni macchie, agli stress termici e ai raggi UV. Agenti macchianti come vino, olio o caffè diventano, dopo il trattamento FILAMARBLE-AID, facili da rimuovere e innocui per la buona condizione del piano.

I test di laboratorio condotti proprio dalla Fila, assicurano: «Le sue caratteristiche lo rendono idoneo al contatto alimentare in massima sicurezza. Non teme l’effetto dei raggi ultravioletti e resiste agli shock termici».